museo2.jpg

Periodo "La Nuova Figurazione" (1970-1975)

    Dopo aver trattato la tematica della decadenza spirituale ho affrontato con lo stesso impegno l’assillante realtà oggettiva del mordente tempo.
       Qui l’uomo è al centro della produzione industriale sopraffatto da infiniti riflessi e conseguenze della tecnologia.
In queste opere egli è immerso nella massima esasperazione da ebollizione di sangue in sorte varia tra le cose.
     La figura umana è composta secondo un concetto di vita moderna ed i combustibili l’arrostiscono, perché l’uomo e l’oggetto sono a contatto grave tra la varietà di ricchezza di elementi in cui l’uomo è da considerare vittima, strumento della cosiddetta “civiltà del consumo e dell’alienazione”.
   In questi dipinti si nota attraverso lo sviluppo dei soggetti, il tempo portare il progresso. E l’individuo, attraverso fi-gurazioni tragiche da sorta sviluppata, portare gl’incidenti.
     Si intravvedono infatti volti carichi di ustioni con occhi iniettati di sangue e speranza perduta. Quadri materici di forza varia e sorprendente d’inesauribile estro creativo dalla cui materia di accennato rilievo spesso sgorga sangue con fatalità ineluttabile racchiusa nel magazzino universale della rappresentazione quasi catastrofica dell’uomo e delle cose agguantate con vivido sangue nella morsa della vita quotidiana. 
     A questo punto c’è da esprimere la ragione sfrenata del pessimismo d’un momento poetico: l’artista, la società e l’arte nel tempo felice o infelice                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  Nunzio Perrucci 
(N. 124 opere - cm 65x90)
                                                           
 

Chi Siamo

Esposizione in permanenza delle opere di scultura, pittura e grafica dell’artista poliedrico e poeta Nunzio Perrucci, precursore dell’attuale movimento artistico materano, in una superficie di circa 175 mq suddivisa in 10 ambienti in cui sono rappresentate le diverse tappe di un percorso artistico di circa sessant’anni che vanta una produzione di oltre 1500 opere.

 

Indirizzo

Via Piave 39
Matera, MT 75100
Italia

Telefono

+39 0835 261121

E-Mail

info@museoarteoggi.it