museo2.jpg

Periodo "Concreto-Gestuale" (1962-1966)

      Costruzioni imponenti di architettura irruente, grottale, paesaggi dell’anima inquieta, desolati, con una luce sublime, realizzati con larghe spatolate d’impulso violento di una tonale sinfonia pittorica. Tele accostabili in cui si allude alle cave, alle chiese rupestri, al paesaggio murgico, dalla monocromia singolare, grigio-violacea.
      Robuste creazioni agitate e sconcertanti dall’ambiente diabolico, da scenario di storia vetusta non ripetibile che lascia uno spirito profondo nel rischio di un mondo fatiscente. Ambienti mistici e spaventosi da racconti segreti d’una eterna maledizione.
    Appaiono tempestose costruzioni brulle, dove certamente risiedono tra il bagliore profondo della quiete, la speranza e negli infernali primi piani inquieti e catastrofici, la morte.
        Sono delle muraglie di stregoneria, o baluardi maledetti che testimoniano un tremendo passato.                        

                                                                                                                                                               Nunzio Perrucci

(circa n°60 opere)

Chi Siamo

Esposizione in permanenza delle opere di scultura, pittura e grafica dell’artista poliedrico e poeta Nunzio Perrucci, precursore dell’attuale movimento artistico materano, in una superficie di circa 175 mq suddivisa in 10 ambienti in cui sono rappresentate le diverse tappe di un percorso artistico di circa sessant’anni che vanta una produzione di oltre 1500 opere.

 

Indirizzo

Via Piave 39
Matera, MT 75100
Italia

Telefono

+39 0835 261121

E-Mail

info@museoarteoggi.it